Il gruppo di lettura di Mogliano legge e discute su L’amante di lady Chatterley

4493.jpg 

Doveva essere una normalissima serata dedicata alla discussione sul libro di David Herbert Lawrence L’amante di Lady Chatterley ma purtroppo alla biblioteca di Mogliano la sera di mercoledì 30 gennaio 2008 è stato impossibile evitare il discorso sul non rinnovo del contratto da parte del Comune di Mogliano a Romina Marcattili che per sette anni di fila ha curato, tenuto aperta, fatto crescere la biblioteca storica Ferretti-Brocco. Anche il gruppo di lettura che ormai è al suo quarto anno è stato fortemente voluto da Romina. Ci sembra doveroso quindi in primo luogo fare un appello affinché venga riconosciuto dalle istituzioni preposte un ruolo e un lavoro onesto, puntuale e coraggioso portato avanti in questi anni da Romina Marcattili che è stata capace di trasformare la biblioteca di Mogliano in un punto di riferimento culturale e un luogo di ritrovo per tante persone.

Venendo all’argomento specifico del laboratorio direi che come sempre la discussione approfondita ha portato alla luce tantissimi particolari che la singola e personale lettura spesso non coglie. L’amante di lady Chatterley, scritto da Lawrence nel 1927 è stato uno tra i libri che ha fatto più scandalo nella storia della letteratura tant’è che nella natia e puritana Inghilterra il libro è stato pubblicato solo nel 1960. Però si badi bene che la questione erotica con la quale il romanzo viene spesso identificato è una scusa per evitare di motivare le ragioni vere e proprie della sua messa all’indice.

Infatti Lawrence utilizza scientemente il richiamo dell’erotismo scritto per far parlare la critica e per attirare un vasto pubblico e convincerlo quindi ad affrontare temi ben più scabrosi e dificcili come quello della critica alla industrializzazione selvaggia di una intera nazione, come quello dell’emancipazione femminile, come quello dei razzismi esistenti tra classi sociali diverse, come quello della pochezza di contenuti di un mondo letterario britannico che in quegli anni si concentrava di più sui pettegolezzi che sulla produzione letteraria.

I quattro personaggi fondamentali del romanzo appaiono quindi rappresentativi non solo di una società inglese in corso di mutazione ma anche, tutti, pieni di contraddizioni e con evidenti cenni biografici che Lawrence stesso spalma per tutto il narrato. Constance Riley (Lady Chatterley), Clifford Chatterley, il guardiacaccia Mellors e la domestica Mrs. Bolton sono pieni di difetti, sono addirittura difettosi nei rapporti interpersonali e l’interpretazione che viene da fare è che in fondo il contraddittorio sta più tra società rurale/tradizioni/benessere contro civiltà industrializzata/progresso scellerato/malessere. Come se dopo la lettura il punto di vista cambi totalmente e il luogo comune che vede L’amante di lady Chatterley come un romanzo erotico, provocatorio e progressista si infranga nella ben più seria considerazione di un’opera complessa che fa della tradizione rurale e dell’orgoglio di una natura incontaminata la sua via maestra. Non è un caso che in una prima stesura Lawrence aveva optato per un altro titolo: Tenerezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: