Archive for gennaio 2009

Seconda serata della Tribù 26 gennaio 2009, la crisi

30 gennaio, 2009

sebastian-de-gobbis-crisi-148x123_2004

Crisi (2004) – Sebastian De Gobbis

Allora cos’ è questa crisi che ci riempie la bocca e i pensieri, che attanaglia lo stomaco e scompagina il nostro quieto benessere occidentale? Cos’è la crisi di cui tutti parlano? E se non fosse solo crisi economica? Se fosse crisi morale, crisi di un intero sistema di valori. Alla Tribù il 26 gennaio 2009 si è parlato di questo e c’erano parecchie persone, circa 25, un piccolo calo numerico come previsto ma anche un piccolo ricambio. La discussione, stavolta introdotta dal sottoscritto, è stata come sempre molto intensa con interventi assai intelligenti e mirati. Alcuni dei nuovi sono apparsi molto ben integrati e hanno espresso con grazia e cipiglio le loro idee e posizioni. (more…)

Rossovemiglio letto dal gruppo di lettura di Mogliano

24 gennaio, 2009

(Benedetta Cibrario vincitrice del premio Campiello per Rossovermiglio)

Dopo aver scelto i libri da leggere è arrivato il momento di leggerli e così martedì 20 gennaio 2009 si è riunito lo storico gruppo di lettura di Mogliano. Con mia sorpresa ho trovato molte più persone di quante ne aspettassi. Alla fine credo che ne fossimo una ventina e questo è sicuramente un buon segno, davvero un buon segno. Il libro su cui discutere era il permio Campiello di quest’anno, il vendutissimo Rossovermiglio di Benedetta Cibrario, edito da Feltrinelli. Va detto e sottolineato che stavolta finalmente si è aggiunto al folto gruppo tutto al femminile  un simpaticissimo signore di orgine tedesche. Una rarità speriamo duratura. (more…)

Prima serata della Tribù 12 gennaio 2009 dedicata all’Innocenza

19 gennaio, 2009

innocence-bouguereau

L’innocenza (1893) – William Adolphe Bouguereau

E chi se l’aspettava tutta questa gente; tutta questa gente che si muove da casa in una fredda sera di gennaio per andare ad ascoltare, parlare e scrivere di poesia. Tutta questa gente a Macerata poi, quando la città è in letargo, appena dopo le feste e ben prima della santa primavera. Eppure il 12 gennaio 2009 nei locali di vicolo Sferisterio, 26 alla prima serata del sesto anno della bottega di scrittura La tribù dalle pupille ardenti, eravamo in quaranta. Quaranta persone: ragazzi di sedici e diciassette anni, signori distinti sui settanta e tutto ciò che può starci in mezzo. Un bel po’ di gente, che non sono bastate le sedie per tutti e così cinque ragazzi si sono appollaiati sulle scale e quattro veterani della Tribù hanno optato per dei tavoli sistemati ai lati della stanza. Un bel gruppo eterogeneo di persone convenute per ascoltare in primis l’introduzione di Andrea Ferroni, fatta sul tema della serata: l’innocenza. (more…)

Ti chiedo scusa Emmanuel

16 gennaio, 2009

emmanuelbonsufoster 

http://parma.repubblica.it/dettaglio/articolo/1575698

Sono Alessandro Seri, sono italiano, scrivo poesie, chiedo scusa ufficialmente, a nome di tanti italiani che non rappresento ma che sento esistere, alla famiglia Bonsu Foster, chiedo scusa soprattutto a Emmanuel, scuse vere, non pro forma.  Ti chiedo scusa Emmanuel per aver letto i giornali e non essermi indignato come bisognava fare: subito e a voce alta già il 29 settembre dello scorso anno; ti chiedo scusa per aver posato con sufficienza i giornali di quel giorno sul comodino dopo aver letto la tua storia e non essere stato capace di scrivere queste parole nell’immediato. (more…)

Le foto di Michele Mobili al Pathos di Macerata dal 9 al 31 gennaio 2009

12 gennaio, 2009

100_3007

(in foto: il sottoscritto e Michele Mobili)

Michele Mobili è un fotografo davvero bravo, l’ho incontrato per la prima volta nel 2001 su un treno per Milano, io andavo a presentare un libro lui a presentare un book fotografico alle agenzie di moda. Ci siamo trovati subito ed è nata una stima artistica reciproca e anche una bella amicizia. Molte delle mie foto pubbliche sono state scattate da Michele, però bisogna ammettere una cosa: Michele Mobili sa fotografare con maestria assoluta il corpo femminile e da esso ne sa trarre poesia e sensualità, sublime e abisso. Quindi mi sembrava giusto colmare la lacuna di una sua mostra a Macerata.  Ci abbiamo lavorato parecchio e il lavoro ha pagato perchè finalmente Michele Mobili, proprio in questi giorni (dal 9 al 31 gennaio) espone al Pathos di Macerata, in Corso della Repubblica. (more…)